• Meetings e Workshop
    l'associazione organizza workshop e meeting periodici

  • HowTo e manuali
    come costruire da te gadget elettronici e come programmarli

  • Hacking della PS3
    howto su come installare linux ed effettuare altri hack

  • Una comunità organizzata
    entra a far parte di una associazione organizzata e attiva

  • Strumenti di supporto
    per mantenersi in contatto e favorire la cooperazione

intermediate - SparkleShare, l'alternativa opensource a Dropbox? PDF Stampa E-mail
Scritto da allanon   
allanon

Dropbox e' il popolare servizio che permette di sincronizzare file tra terminali differenti. Sfortunatamente

1) e' tutto codice proprietario
2) la cartella remota che contiene i dati e' ospitata su un server privato (il loro server privato)

Difetti non da poco, e nella grande comunita' del software libero c'e' gia' chi si e' messo all'opera per fixare il problema :D

 

sparkle share

 

 

 

INTRO

Guardando nella mia agendina di cose da fare durante la colazione ho trovato un punto che troppo spesso ho evitato: trovare una alternativa a Dropbox! E cosi' mi sono ricordato di un certo Sparkleshare, che prometteva bene: e allora attenzioniamolo un pochetto!

Gia' conoscevo a grandi linee il progetto, un demone con un back-end che e' niente di meno che GIT, il veloce sistema di controllo di versione utilizzato niente-poco-di-meno che dagli sviluppatori del kernel linux.

Traduzione breve: l'utilizzo di git rende possibile consultare tutto la cronologia di cio' che avete aggiunto, cancellato o modificato.  Quindi avrete i file sincronizzati e se sbagliate a fare una operazione potere anche tornare indietro! Comodo, no?

La parte dolente e' che ancora il progetto e' agli albori, un po' grezzo, ma funzionante nelle sue features base.

 

Se vi interessa provarlo di persona, vi mostrero' come ho installato un mioo server per lo storage dei dati da sincronizzare tra i diversi terminali.

Per mia comodita', faro' uso di un sistema debian, sia lato client che lato server.

 

REQUISITI

  1. un server ^_^
  2. familiarita con la riga di comando

 

 

PREPARAZIONE REPOSITORY - lato server

E' necessario installare un server ssh, giacche' ssh e' il protocollo cifrato che git andra' ad utilizzare per lo scambio dati

apt-get install openssh-server git git-core

Di default questo basta per abilitare di default l'avvio del demone ssh. Se nel vostro sistema non dovesse essere cosi' allora vi tocchera' provvedere affinche' lo sia :D

Adesso create il vostro repository git, supponendo che siate nella cartella home, digitate:

git init --bare repository.git

e vedrete spuntate la cartella kanna.git nella vostra home. Non toccatela, la gestione di quella cartella compete solo a git!

 

INSTALLAZIONE CLIENT DA REPOSITORY GIT (compilando i sorgenti) - lato client

Passo primo: installare il client ssh e copiare la chiave pubblica nel server

apt-get install openssh-client

# Cio' generera' le chiavi.
#IMPORTANTE: non fornire alcuna password per la chiave:
#sparkleshare non e' in grado di gestirla, ancora. ssh-keygen

#sistemate la porta, la default e' la 22. 
#In questo modo copierete la chiave pubblica nel
#vostro server e non dovrete digirare piu' alcuna password
ssh-copy-id -p 22 [email protected]

 

Passo secondo: scarichiamo e compiliamo  il client sparkleshare. Al solito, logghiamo come root e digitiamo:

apt-get git build-essential checkinstall \
gtk-sharp2 mono-runtime mono-devel monodevelop \
libndesk-dbus1.0-cil-dev nant libnotify-cil-dev \
libgtk2.0-cil-dev libwebkit-cil-dev intltool libtool \
python-nautilus libndesk-dbus-glib1.0-cil-dev

cd /usr/local/src
git clone https://github.com/hbons/SparkleShare.git
cd SparkleShare
./autogen.sh --prefix=/usr
make
make install

Se tutto e' andato bene, potrete avviare Sparklehare dal menu

 

 

 

INSTALLAZIONE CLIENT DA PACCHETTO DEBIAN (testing/sid) - lato client

Non esistono pacchetti ufficiali per SparkleShare, quindi ne ho creato uno io in modo blando...e sembra anche funzionare, ma

usatelo a vostro rischio e pericolo.

Pacchetto per Debian Testing

 

PROBLEMI CHIAVI SSH

Se doveste avere problemi nell'aggiungere la cartella remota, molto probabilmente SparkleShare non riesce a gestire la chiave ssh che avete pre-generato voi.

In questo caso andremo ad utilizzare le chiavi che SparkleShare ha pregenerato automaticamente durante il primo avvio.

ssh-copy-id -i ~/.config/sparkleshare/
 Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
   -p 22 [email protected]



 

Commenti  

 
#1 Blac]{out 2011-06-24 10:17 guida stupenda! :) grande Allanon Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


grayhats.org, Powered by Joomla!; Joomla templates by SG web hosting
valid xhtml valid css